Uno dei criteri per valutare l’anzianità di un praticante è lo stato della sua cintura (nera). Più è “messa male”, più tempo (si presuppone) è trascorso sul tatami.

Lo stato della cintura, ovviamente, non dice nulla sulla capacità della persona, anche perché alcune cinture – fra cui quelle di una nota marca italiana – cominciano a invecchiare molto, molto presto.

Si tratta di un articolo molto apprezzato dai praticanti di Judo “verbale” (quelli che terminano l’allenamento più freschi di come lo hanno iniziato, ma con le mascelle indolenzite dalla chiacchiera continua), che in questo modo possono sembrare più “vecchi” di quelli che sono…

Andrea Monti